Trasformazioni 2018-06-04T11:27:34+00:00

Trasformazioni

La trasformazione consiste nel cambiamento del tipo di organizzazione sociale. Può accadere, ad esempio, che una società di persone si trasformi in una di capitali o che una di società di capitali (una S.r.l.) si trasformi in un altro tipo di società sempre di capitali (una S.p.a.).
La nuova disciplina della trasformazione delle società (artt. 2498 e ss.) ha previsto nuove ipotesi di trasformazione in passato non considerare dal codice civile. In via generale si afferma il principio comune a tutte le ipotesi di trasformazione, quello relativo alla continuità dei rapporti giuridici.
Lo studio segue il cliente in tutte le fasi necessarie per addivenire alla nuova forma societaria prescelta offrendo anche il servizio di redazione delle perizie di stima giurate necessarie alla procedura.

Scissioni

E’ noto che è consentito operare la scissione sia a favore di società preesistenti (scissione per incorporazione) sia a favore di società di nuova costituzione (scissione in senso stretto).
Particolare è la tecnica con la quale si realizza la scissione.
Ai soci della società che si è scissa sono assegnate le azioni o quote della società beneficiaria della scissione; in altre parole i soci della vecchia società scissa entrano a far parte a pieno titolo della società beneficiaria.
Questo sistema, però, trova una parziale deroga nel comma 2 dell’art. 2506 che prevede, oltre alla possibilità di un conguaglio in denaro, che, per consenso unanime, ad alcuni soci non vengano distribuite azioni di una delle società beneficiarie della scissione, ma azioni della società scissa.
In merito al procedimento il codice civile (art. 2506 bis e ter ) richiama in gran parte alla disciplina della fusione, prevedendo la redazione di un progetto di scissione, la redazione di relazioni illustrative, il deposito degli atti nelle sedi delle società, le decisioni delle società sulla scissione, l’eventuale opposizione dei creditori sociali, la redazione dell’atto di scissione per atto pubblico e, soprattutto, l’applicazione dell’art. 2504 quater.
Di tutti questi adempimenti si occupa in modo diretto lo studio seguendo tutto l’iter e provvedendo anche alla redazione delle perizie giurate necessarie.

Fusioni

La fusione delle società si attua secondo una complessa procedura prevista dagli articoli 2501 c.c. e seguenti.
Per fusione s’intende sia la nascita di una nuova società con la scomparsa delle vecchie (fusione propria) sia l’incorporazione in una società di una o più società.
Lo studio accompagna il cliente in tutte le fasi necessarie alla realizzazione del piano fino al deposito presso il Registro delle Imprese dei progetti di fusione, alla redazione delle perizie ove necessarie e al coordinamento degli adempimenti con il notaio di riferimento.

Liquidazioni

La liquidazione di una società, in senso generale, costituisce la fase finale della vita aziendale, essa è la conseguenza del verificarsi di alcune cause di scioglimento .
Differente e ben distinta, dalla liquidazione cosiddetta “forzata” o “giudiziaria” o “concorsuale”, disposta dall’autorità giudiziaria, è un altro tipo di liquidazione “la liquidazione volontaria”, definita anche “ordinaria”, essa è regolata dal codice civile e consta di 3 fasi: scioglimento; liquidazione; estinzione.

Lo studio accompagna il cliente nelle decisioni strategiche di tutte e tre le fasi in relazione alla fine dell’attività imprenditoriale portando le società a chiudere al meglio la fase di liquidazione e fino al deposito del Bilancio Finale presso il registro delle Imprese con la conseguente pratica di cancellazione.

Cessazioni

La fase di cessazione delle attività relative alle imprese comporta una serie di adempimenti volti alla chiusura di tutte le posizioni fiscali, previdenziali, amministrative. Lo studio si occupa dell’espletamento di tutte le pratiche e accompagna il cliente attraverso il percorso più favorevole e più opportuno anche da un punto di vista fiscale. In caso di posizioni relative anche al personale dipendente lo studio provvede ad espletare tutte le pratiche presso gli Enti previdenziali e presso il centro per l’impiego.